Frantoio Oleario Cocchiarale

Professionalità e passione al servizio del cliente

Cerca nel sito

Online:

Abbiamo 30 visitatori e nessun utente online

Contatore accessi gratuito

Il funzionamento del protoreattore

Il protoreattore  (brevetto Pieralisi) è l’ultima innovazione tecnologica della holding PIERALISI, che ha introdotto un’innovazione nella lavorazione delle olive che dovrebbe risolvere alcuni problemi tecnici ed qualitativi nella produzione di olio di oliva.

Dal punto di vista tecnico dovrebbe finalmente risolvere il problema dei rallentamenti che si creano durante la molitura delle olive dovuta al collo di bottiglia che va a crearsi durante la fase di gramolazione delle olive, visto che necessità di maggior tempo di lavorazione rispetto al tempo impiegato durante le fasi successive di estrazione ed eventuale separazione dell’olio, permettendo la lavorazione di quantitativi maggiori di olive riduce drasticamente i tempi di lavorazione, con un risparmio energetico sia termico che elettrico, oltre la riduzione dei tempi di lavorazione e di spazio per lo stoccaggio delle olive in attesa di essere lavorate, riducendo il tempo di lavorazione sicuramente migliora anche la qualità dell’olio prodotto, visto che le olive devono essere molite nel più breve tempo possibile dalla raccolta per evitare la loro ossidazione che va ad influire negativamente sulla qualità dell’olio.

Dal punto di vista qualitativo dell’olio extravergine il protoreattore consente il  miglioramento della qualità dell’olio con una migliore qualità organolettiche (più polifenoli), e una drastica riduzione dell’ossidazione.

Il Funzionamento del protoreattore Pieralisi:

Mentre la tradizionale gramola nell’amalgamare la pasta derivata dalla macinazione delle olive la riscalda e progressivamente grazie al sistema riscaldato delle pareti della vasca della gramola, il protoreattore invece si basa su una coclea rotante contenuta in un cilindro con parete riscaldata che può essere usato anche per raffreddare, la pasta delle olive appena macinate, la pasta proveniente dalla molitura in questo caso viene fatta transitare all’interno del cilindro del protoreattore  in appena 70 secondi, attraverso un’azione meccanica che favorisce il processo di lacerazione dei frammenti di polpa di olive facilitando l’aggregazione delle piccole gocce d’olio di oliva, favorendo in tempi rapidi la separazione delle particelle di olio di oliva presenti nella pasta con un basso impatto ossidativo ed in tempi brevi travasata in vasche di omogeneizzazione per un lasso di tempo che va da 0 a 15 minuti ed inviata all'estrattore ad esse collegato.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze avvalendosi di servizi di statistica, come Google Analytics e ShinyStat free . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.